Buon anniversario (e sono 13)

Buon anniversario Irene… buon “Noi” con 13 candeline ufficiali… se dovessimo contare anche quelle non registrate dalla carta del Comune non so quante dovrebbero essere le candeline….

Siamo stati bravi eh?!? Il tempo scorre alla velocità della luce, 13 anni di matrimonio non sono proprio una passeggiata, ma così sembra… un battito di ciglia! (a parte forse gli ultimi 2 anni).

Siamo forse a metà percorso di vita, a metà del nostro film iniziato 43 per me e 41 tra pochi giorni per te, (AUGURI), anni fa, ma lasciamo stare la statistica e la matematica ora, non voglio pensare alla fine in questo momento, anzi, voglio pensare alla vita, al proseguimento, alle emozioni che sicuramente abbiamo ancora davanti, al futuro interessante e RICCO che ci aspetta!!
Spero di continuare a proseguire il percorso con te affianco, so che te l’ho già detto in più occasioni, ma sento sempre la necessità di dirti questo mio desiderio: dire che ne abbiamo passate tante, troppe, e che non voglio “buttare via” tutti questi anni, non è necessariamente corretto rispetto al mio pensiero, o meglio, non è solo quello, sei una persona ricca dentro, una figura energetica della Madonna per dirlo in modo grezzo!
Con te, non finisco MAI di imparare, non mi posso MAI fermare sulle situazioni, ogni giorno c’è sempre del #movimentodivita , ogni sera i pensieri da sistemare sono sempre tanti e sempre diversi, magari non sempre diversissimi, ma sempre in evoluzione… e per una persona “fissa” e sedentaria come me, è un toccasana.

Io ci sto dentro, la nostra 2nda fase di inquadramento relazionale di coppia, penso di averla presa per le corna come si suol dire, all’inizio tutto il tuo trambusto, mi ha portato GIUSTAMENTE disequilibrio mio, ma OGGI, a conti fatti, posso dire di essere più CONCRETO sugli affetti e più CONSCIO della precarietà della vita, dei rapporti, dell’AMORE del poliamore, e di non dare nulla per scontato, nemmeno i miei stessi pensieri… Il lato sessuale per me non è ancora ben definito, non pensavo sinceramente di passare i 40 e di ritrovarmi ancora con voglia di scoprire, voglia di sperimentare, di non essere catalogato come standard per forza o per convenzione, di aver voglia di lasciare aperte tutte le porte possibili, ho voglia di guardarmi attorno, di ascoltare persone diverse, persone che vivono la loro vita sessuale diversamente… (se solo il mio Instagram potesse parlare… anzi, chiedo anche scusa a chi importuno spesso con riflessioni anche forse troppo personali a volte) no non sto dicendo o pensando che voglio provare esperienze omosessuali, non sono ancora così estremista nel mio Io profondo, ma anche solo il fatto di poter pensare che potrei anche essere “innamorato” di una persona a prescindere dal sesso, dal suo orientamento o altro e di non sentirmi in colpa, mi spiazza.
Tutti questi pensieri in me, nascono dal tuo “nuovo” modo di vivere, dal tuo nuovo modo di affrontare la vita, senza obblighi o paletti inutili, senza barriere mentali che ci siamo ritrovati ad avere per via del nostro contesto sociale o per via di chissà quale indottrinamento. Io ci sono andato fuori per il sesso, tu forse per “l’obbligo” di contenere tutta l’energia che hai dentro. Vivere senza restrizioni permette nei momenti di riflessione di essere più felici! La felicità che tanto cerco.

Tu sei la mia compagna di Vita, abbiamo passato situazioni e momenti TOSTI, ma siamo rimasti vicini, io ti sento vicina e questo mi piace e non parlo solo fisicamente, ma anche psicologicamente. Non riesco ancora ad estraniarmi come fai tu con le carte o con le varie letture, ma sto lasciando correre, sto lasciando andare tutte quelle situazioni che non mi servono per vivere bene… Questo mio post vuole quindi essere un augurio per te e per me, per Noi, che lottiamo ogni giorno per fare andare avanti la famiglia come meglio possiamo, abbiamo 2 figli stupendi pur essendo noi parecchio fuori!. Non lasciamoci trascinare dalla cazzate, dal nervosismo per la polvere sui mobili o dal PC non aggiornato, rimaniamo assieme per cercare di comprendere il VERO SENSO DELLA VITA, che ovviamente non sapremo mai!!!

Ti voglio bene Irene, rimaniamo così!

Tanti auguri Diego

Il mio “piccolo” Diego oggi compie ben 8 anni! 8 anni sono già passati da quel primo parto, in cui sono diventata mamma quasi senza accorgermene, sembrerà strano ma mi ci è voluto un po’ per rendermene conto, però poi è stato un crescendo di amore ed emozioni! Ti vogliamo tanto bene Diego, sei un testone, rompiscatole e puntiglioso, ma anche tanto sensibile e dolcissimo, un bambino onesto e dal cuore d’oro… Quasi per caso qualche giorno fa ti ho messo un bigliettino con un messaggino nel grembiule e l’idea ti è piaciuta talmente tanto che ogni giorno vuoi un piccolo messaggio a sorpresa prima di andare a scuola! 🙂 Auguri da mamma, papà e dalla tua sorellina che ti adora (anche se non vuole i “cucci” 😛 ).

© Stopdown Studio – www.facebook.com/Stopdown.it – www.stopdown.it

Diego e gli spritz

Diego yoga

Amore a prima vista!

6 anni della piccola (non più così piccola) di casa!

Il 16, come si sa, per noi è un numero speciale. Il doppio di 8, il nostro numero (8 settembre, 8 giugno) e la data di nascita di entrambi i nostri figli. Oggi tocca ad Adele, che ormai è una piccola donna! 6 anni, niente male… 6 anni dal bellissimo parto che, grazie alla determinazione che ti contraddistingue, ci hai regalato! Quest’anno anche tu incomincerai la scuola… sarà una bella avventura e vedremo se le tue aspirazioni e inclinazioni saranno confermate (Adele ha grandi abilità pratiche e artistiche ed è molto portata con gli animali, per ora il suo sogno continua ad essere di fare la veterinaria e/o di avere una fattoria da grande! Diego, invece, è molto preciso e pare essere portato per la matematica e le materie scientifiche, hanno due menti completamente diverse e a tratti complementari! 🙂 ).

TANTISSIMI AUGURI ADELE, SII SEMPRE FELICE, ENTUSIASTA E UN PO’ MATTA COME SOLO TU SAI ESSERE!

8 giugno 2008 – 8 giugno 2018

10 anni, sono passati… volati! Che emozione quel giorno, quando (rompendo gli schemi) sei passato a prendermi sotto casa dei miei genitori e poi siamo arrivati insieme in Comune. Poi al Castello di Pavone, il castello fortunato! A distanza di 10 anni, direi che la scelta è stata azzeccata. E non mi riferisco solo alla scelta della “location”, ovviamente! 😀

TANTI AUGURI A NOI, PATRICK… ALTRI 10, 20, 30, 40 ecc. INSIEME! BUON DECIMO ANNIVERSARIO!

Tratto dal web: “Dieci anni di matrimonio. Le cosiddette “Nozze di stagno”. Perché proprio lo stagno? In altre nazioni il decimo anniversario di matrimonio è definito “Nozze di alluminio”, e non è un caso. Entrambi, lo stagno e l’alluminio, sono materiali molto malleabili, ma anche molto resistenti. Resistenti alla corrosione, all’ossidazione, e, soprattutto, sempre flessibili, adattabili alle esigenze di chi deve utilizzarli. Forse è proprio questa la ragione per cui questi due metalli apparentemente umili, ma così straordinariamente versatili, sono stati associati al traguardo dei primi dieci anni di una coppia. Traguardo, perché, al giorno d’oggi, dieci anni insieme non sono certo una banalità. In questo lasso di tempo più che in qualsiasi altro, marito e moglie vedono messo alla prova il loro rapporto e messe in discussione le loro scelte. Per entrambi questo primo periodo è fondamentale per imparare a vivere insieme, e soprattutto, per costruire insieme la vita che desiderano, che sognano.“.

Azzeccato, vero? Stiamo costruendo insieme la nostra vita… Ti voglio bene!

7 anni!

© Copyright Stopdown Studio

© Stopdown Studio – www.facebook.com/Stopdown.it – www.stopdown.it

Già 7 anni? Chi è che fa passare il tempo così velocemente?? Tempo fa in rete girava una poesia, molto azzeccata…

Rallenta mamma, non c’è bisogno di correre
rallenta mamma, qual è il problema?
rallenta mamma, concediti una tazza di caffè
rallenta mamma, vieni e stai un po’ con me.
rallenta, mamma, mettiamoci gli stivali e andiamo a fare una passeggiata… raccogliamo le foglie, sorridiamo, ridiamo, parliamo.
Rallenta mamma, sembri cosi stanca,
vieni, accoccoliamoci sotto le coperte, riposa insieme a me.
Rallenta mamma, quei piatti sporchi possono aspettare,
rallenta mamma, dai divertiamoci – facciamo una torta!
rallenta mamma, lo so che lavori tanto
ma a volte, mamma, è bello quando semplicemente ti fermi per un po’.
Siediti con noi un minuto,
ascolta com’è andata la nostra giornata,
trascorri con noi qualche momento in allegria,
perché la nostra infanzia non rallenterà!
(R. Knight)

E’ difficile ricordarsene nella vita di tutti i giorni, ma è così vero… sembra ieri e invece sono già 7 anni che sei con noi! Quest’anno, tra l’altro, hai anche iniziato la prima e non potremmo essere più orgogliosi di come stai affrontando questa nuova avventura. Sei attento, preciso, ascolti gli insegnanti e hai bei rapporti con i tuoi compagni… sei contento di andare a scuola e sei cresciuto tantissimo. In effetti 7 anni sono una bella età per un bambino, un’età di cambiamenti. Citando Freud: “a 7/8 anni c’è una svolta decisiva, è il periodo di assimilazione e adattamento a realtà. Gli atteggiamenti soggettivi lasciano il posto a un crescente interesse per i dati oggettivi della realtà. Ciò porta a trasformazioni radicali del pensiero infantile: modificano la rappresentazione che il bambino si fa dell’universo e imprimono un nuovo carattere ai suoi rapporti con gli altri. Si afferma il pensiero logico che libera il bambino dal suo egocentrismo: prima era sottomesso tutte le illusioni della percezione, ora è capace di rettificarle con il ragionamento e di introdurre ordine, stabilità e coerenza nel mondo delle apparenze, per es. sa cogliere contemporaneamente i diversi aspetti di una situazione o problema e ricondurre gli oggetti alle cause (acquista la reversibilità). Il pensiero imprime una nuova struttura ai rapporti interpersonali perché anche attraverso il confronto con gli altri, il bambino giunge correggere le sue illusioni e a dare una rappresentazione oggettiva della realtà (il pensiero si socializza)”. Non l’avremmo detto con queste parole, ma ci siamo accorti del cambiamento, vero Patrick? 😛 Ovviamente non è sempre facile, già ora è difficile a volte tenerti testa, ogni tanto io e papà ci chiediamo già come sarai da adolescente! Poveri noi… 😉 Ma sai essere tanto testardo e “sfinente” con noi, quanto ragionevole e giudizioso in altri contesti (per esempio a scuola). Con tua sorella ultimamente discuti tanto, in realtà non possiamo dire che litigate, ma state sempre lì a discutere… allo stesso tempo, però, se non c’è l’uno l’altra è talmente calma che la casa sembra vuota e viceversa, tu la proteggi e lei ti cerca sempre. Hai dei momenti di dolcezza infinita (“mamma cucci” spero di ricordarmelo sempre!) e altri momenti in cui sei talmente insopportabile che ci fai impazzire. Ma sono più i momenti in cui sono (siamo) orgogliosi di te!

Tanti auguri Diego!