Chiesa Evangelica Valdese

Per Patrick … 😉 e per chiunque fosse interessato!!

I valdesi sono cristiani; credono in Gesù Cristo e confessano la stessa fede cristiana della Chiesa universale espressa in tutti gli articoli del Credo apostolico. Si differenziano, però, dai Cattolici-romani, i quali sono anche cristiani, ma è bene chiarire che non tutti i Cristiani sono cattolici-romani. Il cristianesimo è come un grande albero con numerosi rami, dei quali i più grossi sono: la Chiesa cattolica-romana, le Chiese evangeliche (dette anche protestanti) e le Chiese orientali ortodosse. La Chiesa valdese fa parte della grande famiglia delle Chiese evangeliche, nate dalla Riforma del XVI secolo, alla quale ha aderito sin dal 1532, anche se come movimento di rinnovamento evangelico essa ha una storia più lunga di circa 350 anni, perché le sue origini risalgono alla fine del XII secolo.

La Chiesa valdese e la Chiesa cattolica, essendo entrambe cristiane, hanno molti punti fondamentali della medesima fede in comune. Tuttavia tra queste due Chiese ci sono delle differenze notevoli, che le distinguono.
Le principali differenze riguardano innanzitutto la stessa Bibbia, non solo per il suo contenuto e l’interpretazione di taluni passi, ma specialmente per il posto che essa occupa nelle rispettive Chiese. Infatti per la Chiesa valdese, e per le altre Chiese evangeliche, in base al principio “sola Scriptura” affermato dalla Riforma, la Bibbia è la sola norma per la fede e la vita dei credenti; mentre per la Chiesa cattolica accanto alla Bibbia si pone, come avente pari autorità, la tradizione orale, ed entrambe (Bibbia e tradizione) devono essere accolte solo secondo l’interpretazione considerata infallibile del magistero papale. Si può quindi dire che da questa divergenza fondamentale derivino tutte le altre.

I valdesi si sono sempre impegnati per favorire la piena laicità dello stato.
La chiesa valdese si è pronunciata come fortemente contraria all’esposizione del crocefisso e, più in generale, di ogni simbolo religioso, in luoghi pubblici.
Per quanto riguarda i “temi etici”, i valdesi hanno sempre favorito il dibattito su temi quali omosessualità, aborto, testamento biologico ed eutanasia.
La tavola valdese, ossia il gruppo valdese sui problemi etici, si è espresso in maniera possibilista sia sull’aborto sia sull’eutanasia. Si è anche detta molto favorevole ai registri per il testamento biologico, che in molte città sono gestiti dalle comunità valdesi.
La Chiesa Evangelica Valdese, durante il sinodo del 2010, si è espressa a favore della ricerca sulle cellule staminali.

Il culto si svolge regolarmente ogni Domenica mattina nelle chiese valdesi. E’ pubblico, quindi aperto a tutti e chiunque può liberamente entrare ed assistervi, senza che venga messo in soggezione o imbarazzo da alcuno. Esso consiste in letture bibliche, preghiere, canto di inni, predicazione e, almeno una domenica al mese, celebrazione della Cena del Signore (quella che i cattolici chiamano “eucaristia”).

Quanto ai sacramenti, la Chiesa antica ha chiamato “sacramenti” alcuni atti particolari ordinati dal Signore Gesù Cristo e li ha definiti “segni visibili della grazia invisibile”. Secondo la Chiesa valdese e le altre Chiese evangeliche, rispondono a questi requisiti soltanto due atti espressamente stabiliti da Gesù: il battesimo e l’eucaristia (che preferiamo chiamare col termine più comprensivo di “Cena del Signore” o “Santa Cena”). La cresima, la confessione auricolare e relativa assoluzione sacerdotale, il matrimonio, l’ordine sacro e l’estrema unzione in ambito evangelico non sono considerati “sacramenti”, anche se a diversi momenti e a diverse decisioni della vita dei credenti viene dato un opportuno rilievo: come la confermazione dei catecumeni, la celebrazione del matrimonio, la consacrazione di uomini e donne al ministero pastorale; mentre non si pratica affatto la confessione auricolare e l’estrema unzione.

Condividi con

10 commenti su “Chiesa Evangelica Valdese”

  1. Ho letto tutto…. ma dal leggere al dire, ok, preferisco questa piuttosto che il buddismo, piuttosto che il cristianesimo, piuttosto che altre religioni….

    In qualcosa credo, ma non so a cosa! :-p

    DI CERTO NON NELLA CHIESA come la vediamo oggi… Palazzoni enormi, Oro e potere… insomma, la chiesa se vogliamo è “peggio” della politica… anche perchè GENERALMENTE chi crede è la persona non molto istruita, e come in politica, ha vita facile su queste persone…

    (Ho scritto veramente da cani forse, ma non ho tempo!)

  2. Beh, una domenica mattina alle 10:30, andiamo in Croce di città a vedere com’è… che dici?? Io sono abbastanza d’accordo su tutto… poi è vero che anch’io, più che credere nelle Chiese, credo nel meraviglioso miracolo che è la vita e questo a prescindere da ogni religione!!

  3. Ho visto tutto il video! Bello sì, ma esiste un video di una religione “brutto”?…

    In ogni caso SICURAMENTE rispecchia il mio pensiero più questa religione Valdese che Cristiana….

  4. “Parola e musiche” alla Chiesa Valdese di Aosta

    AOSTA. La Chiesa evangelica valdese di Aosta organizza giovedì 7 luglio, alle ore 18 al Tempio valdese di via Croce di Città ad Aosta, “Parola e Musiche”, una serie di letture bibliche e preghiere sul tema “Le stagioni e i ritmi dell’amore” accompagnate dal pianoforte di Cristina Baratto.

    L’evento è realizzato nell’ambito delle iniziative di “Porte aperte alla città” realizzate da Chiesa Evangelica Valdese aostana, Commissione Sinodale per la Diaconia Valdese e Servizio civile sperimentale della Regione.

    L’ingresso è libero.

    Fonte: Aostaoggi.it

    ——————————–

    Vai giù, e quando esco da INVA ti raggiungo??

  5. Non mi dispiacerebbe… però di giovedì c’è già lo spazio famiglia e volevo portare io qualcosa questa settimana! E poi non è mica a 2 passi… Mannaggia, fosse stato un altro giorno e in un altro orario sarei andata molto volentieri! 🙁

  6. Ciao 🙂 se hai piacere volevo invitarti all’incontro gratuito che organizziamo sabato 28 aprile dalle ore 17,00 alle 19,00 ad Aosta presso la sala del Bar Caffè Italia, Via Sant’Anselmo, 38

    L’argomento che tratteremo è: costruire un’ ambasciata per accogliere gli Extraterrestri che hanno creato la vita sulla terra,” gli Elohim”.

    “Ciò che proponiamo è una cosa di straordinaria importanza, perchè non servirà ad accogliere dei comuni visitatori dello spazio, ma i nostri Creatori”.

    Nel 1973, gli Elohim rivelarono a Rael – all’epoca giornalista in Francia – che furono proprio loro a creare scientificamente ogni forma di vita sulla Terra. Ora che siamo in grado di comprendere la loro opera senza considerarli più come degli Dei, essi hanno espresso il desiderio di ritornare e di incontrare i rappresentanti della Terra.

    Ti faccio un breve riassunto di ciò che è accaduto nel passato.

    Circa 25.000 anni fa, una civiltà extraterrestre raggiunse un livello scientifico paragonabile a quello a cui noi arriveremo tra non molto.

    Esplorando lo spazio, scoprirono la Terra e vi costruirono delle basi scientifiche nelle quali, grazie alla perfetta padronanza dell’ingegneria genetica e del DNA, crearono ogni forma di vita esistente oggi sul nostro pianeta, compreso l’uomo, che fecero “a propria immagine e somiglianza”.

    Questa civiltà è nominata nei testi antichi col nome: “Elohim”, che si traduce in ebraico “Coloro che sono venuti dal cielo” e che è stato erroneamente tradotto col singolare “Dio”

    Per guidare l’umanità, gli Elohim inviarono nel corso della storia dei Messaggeri (i grandi profeti del passato) che diedero origine a tutte le grandi religioni.

    Mosè, Buddha, Gesù, Maometto ed altri come loro tra uomini e donne di tutte le razze.

    Oggi l’umanità è giunta in un’era in cui, grazie alla scienza, può comprendere le proprie origini senza più cadere nel misticismo, e gli Elohim hanno deciso di inviare l’ultimo dei loro messaggeri a preparare il loro contatto con i propri “figli” gli uomini di questo pianeta.

    Se vuoi saperne di più: www rael org

  7. Però…
    Impegnativo!!
    Dubito fortemente che verremo all’incontro… Ce ne sono già troppi in giro di Extraterrestri 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *