Raduno Tuning in Valle d’Aosta…

Patrick:

Che fatica… … ma non per il raduno, anzi!

…la fatica (e stress ) è quella per fare ogni volta una pagina con le foto da mettere sul sito… e senza tra l’altro riuscire a farla come vorrei… MA PER METTERE LO SFONDO SOLO UNA VOLTA e che non venga ripetuto…??. Purtroppo non sono molto pratico del web, almeno per crearlo! Quando io ho iniziato il mio approccio col PC, internet non c’era e non sapevo cos’era, non sapevo neanche dell’esistenza dell’html come linguaggio di programmazione (codice per creare le pagine web (assieme ad ASP, PSP, e altri…), ma conoscevo bene Windows 3.11 (usato a scuola) DOS 6.22, e poi la grande passione per il mio primo PC con Windows 95 e 98 che avrò formattato e ottimizzato per un numero imprecisato di volte (ma vi assicuro davvero Molte ). Insomma il DOS mi era familiare e non facevo nemmeno difficoltà per imparare i comandi e le varie opzioni a memoria… e ora?? Ora sono in crisi per imparare a fare una paginetta BASE col blocco notes! Senza usare un programma, senza avere una guida sono perso… e questo mi mette tristezza e frustazione .

Ne parlavo poco fa con Irene… forse non siamo più così giovani  e lo “spazio disponibile in testa” è semi-esaurito, forse, anzi, sicuramente, riempito con molte cavolate , ma haimè, la testa non è un PC e anche volendolo fare non si può formattare con il “format C: /u /q /v:HDISK :P)

 

Mi spiace tanto anche per lei  che non ce la fa più ad immaganizzare dati su dati, a studiare libri su libri… ma che ti devo dì I… “tieni duro ancora un po’”, magari tra qualche anno saremo ricompensati…

…. Va beh, questo sfogo mi è venuto spontaneo dopo una giornata (festiva) passata davanti al PC, ma veniamo alle belle macchine che ho visto quel giorno.

C’era anche la piccolina C2, carina, bei cerchi e bello scarico, ma non aveva nulla di più a parte un bel pianale nel cofano. C’era invece questa (della quale non mi ricordo neanche la marca ), ma mi ricordo che meritava Veramente, semplice, aggressiva e molto molto sportiva senza esagerazioni; molto bello anche il colore blu!

C’erano poi delle macchine fuori dal mondo, tipo questa 206, “tatuata” ovunque!  

Macchine con gadget mai visti , monitor lcd per PC nel cofano con tanto di impianto e due casse enormi bel visibili , qui c’era la sala da ballo… (manca solo lo spazio per poter ballare ), le casse le prendiamo qui perchè tanto ne hanno a sufficienza :p e poi tutti assieme per l’esame dell’udito…

…e infine per i più piccini un giochino nel cofano.

Insomma macchine da sballo, ma anche macchine per chi ha una forte passione e capacità di aggiustarsi visto i prezzi che ci vogliono per realizzarle!

Al prox raduno!

Sito realizzatore dell’evento: http://www.tuningclubaosta.it

Calciopoli

… Ecco cosa ne penso al riguardo! Immagino che senza il mio pensiero non si potesse stare e quindi… Eccomi qui! 😛

Quand’è iniziato lo scandalo calciopoli ho pensato che, se certe accuse fossero state provate, la Juve avrebbe – con mio rammarico meritato la C o una B con forte penalizzazione.

Chi sbaglia è giusto che paghi, anche se penso che la giustizia sportiva vada riformata e che le colpe dei dirigenti non dovrebbero mai ricadere sulle squadre . Se penso poi a certe dichiarazioni, come quella di Patrizia Pighini, mi viene una rabbia… 

E’ stata la prima donna (giovane e bella) a fare la procuratrice di calcio. Poi però è arrivata la GEA (società di Alessandro Moggi, figlio di Lucianone) ed è cambiato tutto  . Ma la cosa “buffa” è questa: alla domanda dell’intervistatore sui vantaggi di cui godeva la Juve risponde “avrebbero vinto anche senza aiuto da parte degli arbitri” (ndr… ovvio, sono convinta che sia sempre stata una delle squadre più forti del mondo e con giocatori che tutti vorrebbero, vedi la recente campagna acquisti…  ). Al che l’intervistatore le chiede: “sta dicendo che Moggi lavorava più per sé che per la società?” Risposta: “esattamente“. Per chi fosse interessato ad approfondire, l’intera intervista è su Vanity Fair n° 30 del 3 agosto 2006.
Detto questo, condivido in pieno anche queste parole di Padovan (direttore di Tuttosport): “la condanna della Juve e la durissima pena inflitta poteva essere accettabile in un contesto di inflessibilità diffusa. Ma quando si vede uscire indenne l’ex presidente della Federcalcio, Franco Carraro; quando ci si accorge che il Milan viene premiato con un provvidenziale quanto scandaloso accesso alla Champions League e che la Fiorentina resta in serie A nonostante un illecito comprovato (parole di Mario Serio, uno dei 5 giudici della Corte Federale), allora nulla è più compatibile con la realtà processuale“.
E si continua…   Domanda a Sandulli, presidente della Corte Federale “si può dire che il campionato 2004-2005 è stato falsato?”. Risposta: “direi di no. L’unico dubbio potevamo averlo su questa strana partita tra Lecce e Parma, una partita che abbiamo visto e rivisto poiché la cassetta era stata depositata da De Santis”. Poi si va nel ridicolo…  Riferendosi agli juventini dice “la sanzione l’hanno avuta ma il discorso è che tanti articoli 1 (slealtà) non fanno un articolo 6 (illecito)” (e allora che ci azzecca la retrocessione?? cosiccome tante lesioni non fanno un omicidio… ndr  ). Il resto, se possibile ancora più spaventoso, lo ha detto Serio a Repubblica “abbiamo scelto di trasformare gli articoli 6 in articoli 1 per alleviare le pene“. (cooooosa?? trasformiamo un omicidio in lesioni?   ). A me questa, più che giustizia, sembra un grande pasticcio (per essere ottimisti), oppure un complotto anti-juventino (per non esserlo), o anche – come dice Padovan – “un penoso incarto di rosticceria”.
Aggiungo un paio di considerazioni per coloro che attaccano la Juve: chissà cosa avrebbero detto se fosse stato assegnato a noi uno scudetto a tavolino, o se i dirigenti juventini avessero regalato dei Rolex agli arbitri, o se la Juventus avesse presentato delle fideiussioni o dei passaporti falsi…
Non credo che quanto sopra riportato sia vittimismo, a me sembra solo la realtà dei fatti (o, quanto meno, una parte di essa  ).

Comunque sia, ultimamente ho riscoperto un tifo che non credevo di avere, sarà per la vittoria dell’Italia ai mondiali, sarà che tutta quest’antipatia per la Juve non l’ho mai capita (mi sembra la famosa storia della volpe con l’uva…), sarà che quando tutti danno contro a qualcuno o qualcosa io mi schiero quasi sempre a suo favore (tranne che con Berlusconi, in quel caso non ce la posso proprio fare…), fatto sta che tutte queste vicende mi hanno fatto avvicinare al calcio piuttosto che allontanarmi!!

Concerto Ligabue (Campo Volo / Reggio Emilia) 10 settembre 2005 + 12 Ottobre 2006 Palais Saint-Vincent (Aosta)

Ligabue Campo Volo

Patrick:

Siamo partiti al mattino presto… ovviamente con un bel carico di CD del mitico Luciano, in dettaglio: Buon compleanno Elvis, Su e giù da un palco (live con 2cd), Fuori come va?… Abbiamo vinto poi direttamente a Campovolo (grazie alla raccolta punti della Stampa) il singolo “il giorno dei giorni”

Fin qui tutto bene…

Ora riporto la lettera di Irene che hanno pubblicato su “Vanity Fair”:

“:P eh già, i problemi iniziano dopo!!! Questa è la famosa lettera che ho scritto un po’ ovunque e che mi hanno pubblicato su Vanity Fair, sul sito di TV Sorrisi, sul blog di Selvaggia Lucarelli… (insomma, quando mi inca**o mi inca**o 😉 ) Il famoso concerto di Ligabue a Campovolo? L’evento del secolo, con quasi 200 mila persone? Una delusione TOTALE… Ma cominciamo dall’inizio. Arriviamo (dopo 350 KM di macchina) verso le 17, c’è già parecchia gente ammassata dato che i cancelli aprivano alle 12. Notiamo subito che il posto non è all’altezza delle aspettative, è piuttosto piccolo e le persone sono sedute sul prato alla bene e meglio. Ovviamente continua ad arrivare gente che pretende di passare avanti, spingendo e insultando chi è arrivato prima ed ha avuto la possibilità di sedersi. C’è molto nervosismo nell’aria vista la situazione non proprio ottimale. Persone ubriache o che comunque non hanno intenzione di rimanere indietro ti scavalcano e ti passano quasi sopra… E i controlli all’entrata? Inesistenti. La polizia c’era ma ovviamente se avesse dovuto perquisire tutti avrebbe perso troppo tempo, così nello zaino chiunque avrebbe potuto mettere di tutto. Ma tanto c’era l’elicottero che sorvolava sulle nostre teste… Ma perfavore! Per non parlare poi dei costi proibitivi del cibo o delle bevande! Un ghiacciolo? 2,50 €! Una piadina? 4,50 €! E Ligabue? Chi l’ha sentito? Forse chi era sotto il palco o comunque in una posizione privilegiata… Chi invece si trovava al centro o indietro, ha sentito solo le prime 3 canzoni. Poi l’audio è partito. Eppure i gruppi precedenti e i mini concerti di Bennato ed Elisa si sentivano benissimo. Non ho idea di cosa sia successo, fatto sta che dopo mezz’ora più di metà del pubblico è rimasta isolata acusticamente. Ovviamente la gente ha cominciato a lamentarsi, sono sorti coretti prima gentili e poi più offensivi. Ma… The show must go on. Nessuno ha comunicato a Ligabue il problema e lui ha continuato ininterrottamente il suo spettacolo. E il pubblico dal centro in giù, dopo aver provato in tutti i modi a farsi sentire, ha cominciato ad andarsene ben prima della fine dello spettacolo. Bilancio? Beh, posso dire di aver sentito Bennato ed Elisa. E di aver pranzato in una deliziosa trattoria in provincia di Parma. Per il resto, davvero una delusione. Qualcuno ci rimborserà i 40 € del biglietto? No, eh?!

ndr… nessun rimborso ovviamente!”

 

12/10/2006 Palais Saint-Vincent (AOSTA)

Click  per visualizzare articolo “La Vallée Notizie” (ANNO XXI – NUMERO 38 – 30settembre2006) PS: conviene che vi salvate la foto, tasto dx “salva immagine con nome” altrimenti non leggete molto da browser! Oppure Irene mi ha fatto scoprire un nuovo comando , passate il mouse sulla foto e dopo un po’, in basso a destra compare un simbolo (questo  ) “espandi alle dimensioni normali”, cliccate sopra e come per magia , si apre la foto alle dimensioni normali… davvero comodo, non lo sapevo

Speriamo che questo concerto vada bene e sia all’altezza del mitico Poeta . La voglia di ballare e di ascoltare buona musica è tanta .

Intanto comunque mi sono fatto già 2h di coda per prendere i biglietti per me, Irene, Gigio e Maria…

Cavoli, ma fare una prevendita un po’ più sensata?? Cosa pensano? Che per Ligabue ci siano 4 gatti?? Magari aprire più punti per la prevendita! dare la possibilità di prenotare tramite internet… Ragazzi,  SIAMO NEL 2006!!