Alimentazione & CO

Da più di 2 anni sono “quasi” vegetariana… e cioè, a parte rare trasgressioni, non mangio carne (il pesce sì, ma non esagero neanche con quello) e cerco di limitare l’assunzione di proteine animali. Invece Patrick, mio marito, è onnivoro , anche lui però non è un grande amante della carne. Dato che con Diego seguiamo l’autosvezzamento e ci troviamo benissimo, anche lui mangia più o meno come noi. Non ho seguito la linea (ormai superata ma purtroppo ancora diffusa tra alcuni pediatri) di dare la carne almeno una volta al giorno, anche 2, meglio se sotto forma di omogeneizzati o liofilizzati. Mai dato neanche omogeneizzati… a parte, per comodità, quest’estate mentre eravamo in viaggio per le ferie. Eppure Diego cresce bene ed è sereno e, facendo i dovuti scongiuri, in 10 mesi non è mai stato seriamente malato e non ho mai dovuto dargli medicine (a parte la bronchiolite contratta in ospedale alla nascita e che l’ha portato al ricovero per 3 giorni quando aveva 2 settimane 🙁 ). Insomma, i principi che seguo sono più o meno questi:

latte materno a volontà finché ne ha voglia e, comunque, almeno fino all’anno;
via libera, gradualmente, a tutto ciò che c’è sulla nostra tavola (ovviamente no a fritti, salse, cibi speziati o piccanti… Diego va matto, in particolare, per la pasta al sugo semplice o con i piselli, per la frutta e per gli yogurt! Ma mangia anche tanta verdura e tanto d’altro 🙂 );
non esagerare con le proteine animali.

Non voglio però imporgli le mie scelte alimentari (come molti tendono a rimproverarmi… come se “loro” non impongano a loro volta le scelte alimentari che seguono ai propri figli… ma dato che sono scelte diffuse e accettate dai più, vanno per forza bene e sono migliori delle mie, senza alcun dubbio 😉 ) per la carne seguirò questi principi (ci sono vari articoli in internet e altrove al riguardo, qui riporto solo un sunto 😉 ):

No alla carne fino alla dentizione (o quasi) fino ad oltre l’anno di età (comparsa dei canini): sono i denti della carne, perché dovremmo costringere l’organismo ad assumerla quando non è ancora attrezzato a farlo?

• Non è necessaria
• Sovraccarica apparato digerente e reni
• Produce sostanze cancerogenosimili: indoli, fenoli, scatoli, ecc.
• Acidifica
• Può dare origine alle nitrosammine in presenza di nitriti e nitrati
Eccezione: gravi ritardi della dentizione, per cui se non sono ancora comparsi i canini poco dopo l’anno, conviene cominciare ugualmente con la carne.

Dato che può essere rischioso alimentare un bambino con dieta esclusivamente vegetariana, la stessa va integrata con:

• Uova (relativamente tardi e soprattutto poche…)
• Latte e latticini (io finché allatto evito il latte “puro” ma do tranquillamente yogurt, parmigiano e pochi altri formaggi… senza esagerare)
• Pesce
-> delicati di gusto (trota, sogliola, dentice, pesce persico…)
-> non di frequente: al massimo una volta alla settimana
-> cambiando specie

Oltre a ciò, io ho inserito anche tanti legumi. Non so se sto facendo bene, non ho la verità in tasca, cerco solo di documentarmi e di usare il buon senso e per ora mi sembra che stiamo andando alla grande! 🙂

Condividi con

Un commento su “Alimentazione & CO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *